Acquatic

Consigli degli esperti – 8 consigli prima di acquistare una barca

L’acquisto di una barca è spesso il risultato del sogno di molti diportisti, soprattutto novizi, che entrano nelle gioie della nautica da diporto e della nautica da diporto.

Manlio, il tuo capitano, spiega in dettaglio gli 8 punti principali da prendere in considerazione affinché il suo sogno di una barca non si trasformi rapidamente in una sola barca….. Zattera della Medusa!

1 / SCEGLIETE UNA BARCA ADATTA AL VOSTRO PROGRAMMA DI NAVIGAZIONE

La cotta che si può avere alla vista di una barca su un sito di annunci classificati o ormeggiata in un porto turistico, può rapidamente trasformarsi in calvario se non corrisponde infine al suo programma di navigazione. Motore, vela o misto vela e motore, navigazione costiera, crociere brevi, regate e regate: la prima cosa da definire è quello che si vuole fare con la propria barca. Un buon consiglio: i diversi favoriti del ben congegnato programma velico……… dovrebbero essere evitati!

2 / QUALE MODELLO PER QUALE BACINO DI NAVIGAZIONE?

Una volta che il programma di navigazione è ben definito, la domanda da porsi riguarda il suo bacino di navigazione. Sceglieremo una barca trasportabile o no? Se l’imbarcazione non è trasportabile, dove sarà ormeggiata o immagazzinata? Su questa domanda dipenderà infine dal tipo di unità scelta, una barca, sia essa a vela o a motore, non sarà la stessa che si navighi nel Mediterraneo, nell’Atlantico o nel Mare del Nord, ad eccezione delle unità destinate alla crociera…..

3 / ESPERTO BOX……… ESSENZIALE!

La competenza di un’imbarcazione usata da uno specialista può in linea di principio rappresentare solo un costo aggiuntivo. Non è questo il caso, e meno l’acquirente conosce le barche, più questa competenza sarà essenziale. Ci possono essere molte spiacevoli sorprese ed enormi costi nascosti in proporzione al valore di alcune unità. Questo per non parlare del fatto che le formalità amministrative relative alla vendita possono essere complesse: il controllo dell’atto di francatura, l’assenza di un pignoramento protettivo o di un’ipoteca….. Quando si tratta di barche nuove, può anche essere utile chiedere consiglio agli specialisti che elaboreranno con voi le specifiche e vi aiuteranno a definire le attrezzature essenziali per l’imbarcazione.

4 / I VANTAGGI DEL LEASING

L’utilizzo del leasing per finanziare la propria imbarcazione è di tipo fiscale: l’IVA è del 10% contro il 20%, l’amministrazione considerando – ci si chiede perché – che un’unità in leasing trascorre parte del suo tempo al di fuori delle acque comunitarie! In termini di tassazione, poiché l’imbarcazione è di proprietà della società di leasing, non è inclusa nel calcolo dell’imposta……..

5 / ANTICIPARE I COSTI DELLA MASCHERA RELATIVI ALL’ACQUISTO

Il prezzo di una barca non corrisponde mai a quello di una nave pronta a navigare, ammettiamolo! Al prezzo pubblicizzato, nuovo o usato, il diportista dovrebbe quindi aggiungere il costo relativo all’equipaggiamento di sicurezza e per una barca a vela, quelli relativi alla consegna e all’albero….. Nel campo della vela, le barche vengono consegnate con un set di vele generalmente sufficiente ma non completo.

In termini di sicurezza, l’armatore deve scegliere uno dei 3 livelli di pack disponibili, a seconda del suo programma e della certificazione della sua barca: meno di 2 miglia dalla costa, meno di 6 miglia dalla costa o al largo. Si noti che se l’imbarcazione è finanziata in LOA, deve essere equipaggiata in mare aperto……..

6 / IL PUZZLE DELLA PIAZZA DEL PORTO

Se optiamo per uno trasportabile, gran parte del problema scompare. Per altri, oltre al luogo negoziato con il concessionario, che sembra essere una soluzione transitoria, il luogo del porto è un problema endemico per la proprietà di un’imbarcazione. Alcuni si saranno registrati per anni in 3 o 4 porti per beneficiare del primo posto libero (partecipando così ad una bolla speculativa sulle reali necessità degli anelli…..), altri opteranno per porti turistici stranieri (Spagna, Tunisia….), altri sceglieranno finalmente l’ormeggio ad un cadavere. In ogni caso, questo problema è spesso un mal di testa che deve essere affrontato molto prima dell’acquisto……..

7 / CONSENTITO……… ESSENZIALE!

Anche se non è obbligatorio quando si possiede una barca a vela non dotata di VHF, la patente nautica sembra essenziale per controllare correttamente la propria barca. Con un VHF, lo skipper di una barca a vela deve essere in possesso di una licenza per imbarcazioni da diporto (per essere in regola nelle acque francesi) o di un certificato di operatore radiotelefonico ristretto (CRR) che lo autorizza a navigare all’estero. Per qualsiasi imbarcazione a motore di potenza superiore a 6 CV, la patente nautica è obbligatoria: è più facile!

8 / I BUDGET, IL TUO BUDGET……..

In altre parole, una barca costa ogni anno circa il 10% del prezzo di acquisto per la manutenzione.

A questo è ovviamente necessario aggiungere i costi di assicurazione, un settore in cui esistono contratti denominati “a terzi”, che coprono i danni causati dalla vostra imbarcazione ad altre imbarcazioni ma non alla vostra, oppure contratti “multirischio” che coprono i danni, il furto e, a seconda del contratto, il rimpatrio e le spese mediche. Fate attenzione, dovete pensare di ottenere l’armamento della vostra barca a vela assicurata, che non sempre è chiaramente annunciato.